Convention per Giorgio Vindigni: campo largo al candidato sindaco di Scicli

Partecipata, intensa, interessante per i temi politici affrontati ma soprattutto ricca di sostegno al candidato sindaco Giorgio Vindigni. Questa la sintesi della convention elettorale svoltasi ieri nello spazio esterno dell’Opera Pia “Carpentieri” La platea, occupata in ogni ordine di posti, ha ascoltato, applaudendo a più riprese, i temi della politica partecipata, la tesi del buon governo che si fonderà sul sistema della concertazione con le forze sociali per avvicinare sempre di più il paese reale a quello legale nel contesto di una coalizione da “campo largo” (Scicli come laboratorio politico)moderato, progressista e riformatore. Una coalizione che si ispira al modello nazionale e guarda all’Europa in questa fase nella quale la città ha un’occasione epocale: quella di poter intercettare i fondi del PNRR per concretizzare un grande salto di qualità nella vita della comunità. E in questa direzione la persona capace di rappresentare un’efficace sintesi di esperienza e qualità politica è proprio Giorgio Vindigni. E su questo crinale hanno sviluppato i loro interventi il parlamentare del PD, Nello Di Pasquale, del movimento 5 stelle, Stefania Campo, Nuccio Di Paola, capogruppo all’ARS e il sottosegretario di Stato, Giancarlo Cancelleri.

Endorsement alla candidatura di Giorgio Vindigni sono pervenuti dai contributi video dei parlamentari europei Pietro Bartolo e Brando Benifei -capogruppo PD all’Europarlamento-  e quello di Francesco Boccia, responsabile nazionale Enti Locali del PD. Per Giorgio Vindigni è stata anche l’occasione per presentare i tre assessori designati, tre su cinque: Pino Adamo, Concetta Morana e Lucia Nifosì. “Piena autonomia di azione agli assessori nel rigoroso rispetto del programma elettorale. Sarò un primo tra i pari”, ha commentato il candidato sindaco di Scicli.

Poi i contributi locali: gli ex sindaci Adolfo Padua, Bartolomeo Falla e Franco Susino a testimoniare la difficoltà ma anche l’onore di amministrare la città in cui si è nati. E poi ancora quelli del prof. Gaetano Magro,(anatomo patologo di fama europea), della prof.ssa Franca Carrabba (docente in pensione), quello video di Mauro Di Martino e del signor Lopez che ha dato voce agli anziani e poi per concludere due giovani: Orietta Mazzoletti e Fabio Gentile.

Viviana Sammito, giornalista, che ha condotto la kermesse ha annunciato la copertina finale ovvero le note dell’ Uomo Vivo di Vinicio Capossela, divenuto il canto degli sciclitani, e con lo slogan “Adesso al lavoro, riprendiamoci il futuro” è calato il sipario su una convention che ha rispettato in pieno le attese della vigilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *