BILANCIO 2020 APPROVATO, MA IL CLIMA E’ VELENOSO

Con l'approvazione del bilancio di previsione 2020, il 31 dicembre
scorso, due sono gli ambiti di riflessione che meritano approfondimento:
 il primo di carattere politico il secondo, invece, riguarda i
 contenuti dell'atto votato. Il dato politico è che, quando c'è da approvare 
gli strumenti finanziari dell'ente (il bilancio di previsione piuttosto che il
rendiconto consuntivo 2019), la Giunta Giannone ritrova quella maggioranza
bulgara che non ha in altre occasioni. Non più di un mese fa, infatti,
l'amministrazione comunale era andata sotto in consiglio comunale su
tematiche di minore importanza. Farà da collante il rischio dei
consiglieri comunali di andare a casa? (quando non si approvano gli
strumenti finanziari, infatti, questo è l'effetto previsto dalla legge).
Oppure lo scampato spauracchio di un rientro di Vindigni e della sua
compagine politica in giunta? Difficile stabilirlo, sebbene è certo che
l'approvazione di questo bilancio di previsione (nell'ultimo giorno
dell'anno in cui si poteva programmare!) sia avvenuta al prezzo di talune scelte 
che hanno elevato lo scontro politico fra maggioranza ed opposizione. Anzitutto la 
volontà di convocare una seduta di consiglio di tale rilevanza mediante 
collegamento web e non in presenza nell'aula consiliare (la legge prevede, infatti,
 la possibilità che gli organi istituzionali rappresentativi si riuniscano in 
presenza), oppure la data di approvazione, l'ultimo giorno dell'anno, con relativa
 riduzione degli spazi di discussione , oppure la censura di 25
emendamenti proposti dalle opposizioni (movimento Cinque Stelle e
Cittadini per Scicli) per i quali la tardività è stata determinata
dall'orario di presentazione (oltre le 19) e non dal giorno. E dobbiamo dire che, 
in tale scenario, il Presidente del Consiglio Comunale Demaio ha svolto
il suo compito, assecondando l'indirizzo politico che prevaleva dai collegamenti 
web (in altri tempi avremmo detto dagli scranni consiliari) della maggioranza 
politica che lo ha eletto e che gli ha coperto accuratamente le spalle 
nell'assumere quelle scelte. Ma tant'è, i numeri in politica, checchè se ne dica, 
sono fondamentali. Da sottolineare anche l'assenza del Sindaco Giannone da questa 
seduta consiliare fiume (10 ore) a causa di un lutto. In questo modo, va da sé, 
il primo cittadino è rimasto fuori dalla baraonda determinatasi che politicamente 
non gli si può ascrivere e che, fosse stata, in presenza, rischiava di
vedere i consiglieri brindare il capodanno insieme. La seduta si è
conclusa qualche minuto prima delle venti di sera (si era aperta alle 10
del mattino). Alla fine dieci sono stati i voti di maggioranza che, a parte
i 4 scontati di Start Scicli, hanno registrato anche i 6 di quelli che,
sino a qualche settimana fa, erano considerati "malpancisti"
(Scimonello, Bonincontro, Rita Trovato, Resi Iurato e Carmela
Dantiochia) oltre a Caruso che, da qualche tempo, non si raccorda più con il Pd per le sue
iniziative politiche).
L'altra riflessione, ovviamente, attiene al merito dell'atto approvato
che , come ampiamente ripetuto, è avvenuto nell'ultimo giorno
dell'anno, sotto la spada di Damocle di un Commissario regionale che era
stato nuovamente nominato (come già accaduto per il consuntivo nel
novembre scorso) ed aveva dato 10 giorni di tempo per l'approvazione.
Questo da solo, già, basterebbe, a dare evidenza di gravi difficoltà
nella gestione finanziaria dell'ente. Ma a ciò si aggiunge
l'approvazione delle tariffe Tari nell'ultimo giorno dell'anno con la
conseguenza - da un canto - che i cittadini, nel 2021, si troveranno
costretti a pagare le somme degli anni 2020 e 2021, mentre d'altro canto
il bilancio comunale sta già scontando l'ammanco del flusso di cassa
derivante dalla tassa più consistente fra le voci di bilancio che, ordinariamente,
 viene pagata entro il mese di dicembre di ciascun anno. Tutto ciò lo diciamo 
senza entrare nel merito del dibattito che ha accompagnato l'approvazione del 
bilancio (fortemente mortificato dalle condizioni che abbiamo accennato in
precedenza) perché, se da una parte la maggioranza non ha esitato a
definire "strumentali" gli emendamenti dell'opposizione con un comunicato stampa 
post-voto, dall'altra parte l'accusa rivolta all'assessore Fiorilla (che ha la 
delega al Bilancio) è stata quella di aver già impegnato 9 milioni di euro degli 89
ancora solamente ascritti a bilancio per l'avvio di un procedimento di riscossione
 nei confronti della Piattaforma Vega, mentre nessuna somma è stata destinata alle
 partite Iva del territorio dopo la grave emergenza sanitaria che ha messo in 
ginocchio il comparto turistico. Ed ancora, accuse sono state mosse da Cittadini 
per Scicli, per aver previsto la contrazione di un nuovo mutuo di 11 milioni da 
parte del nostro ente (aumentandone ancora l'indebitamento) , mentre la Lega 
ha contestato la crescita della spesa per il personale del Municipio (le 
c.d. performance) a fronte dei vincoli di spesa del piano di riequilibrio e
di una condizione di ingiustificata disparità fra quanti hanno chiuso
le proprie attività commerciali e quanti, bene o male, hanno potuto
fare i conti con la certezza di uno stipendio.
Insomma, clima velenoso al Palazzo di città, durante l'ultimo giorno
dell'anno, mentre siamo ancora in attesa del comunicato stampa ufficiale
dell'amministrazione comunale che, tuttavia, festeggia poiché è parso evidente 
che l'unica esigenza - a questo punto - fosse di arrivare entro il 31/12 ad un 
voto finale, costi quel che costi, mentre il confronto (con la gestione Giannone) 
non è contemplato!
MARCO CAUSARANO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *