You Are Here: Home » Evidenza » QUERELE: DUE FATTI, TRE COINCIDENZE E DUE CURIOSITÀ E MEZZA! – di Marco Causarano

QUERELE: DUE FATTI, TRE COINCIDENZE E DUE CURIOSITÀ E MEZZA! – di Marco Causarano

QUERELE: DUE FATTI, TRE COINCIDENZE E DUE CURIOSITÀ E MEZZA! – di Marco Causarano

 

Ieri mattina il Comune di Scicli, sul profilo fb istituzionale dell'ente, pubblica
 il seguente comunicato stampa "Denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale" (sotto
titolo "Da parte della Polizia locale di Scicli"), ai sensi dell'art. 341 bis del
 Codice penale. 
Veniamo a noi.
Primo fatto: il giorno prima, sul Gds online, avevamo pubblicato la notizia che la
 Polizia Municipale di Scicli aveva querelato un concittadino per diffamazione 
(art. 595,c.2 del codice penale). Su questo fatto non abbiamo nessun dubbio, perché
 abbiamo visionato il verbale di identificazione del denunciato e la violazione 
che si contesta è proprio il reato di diffamazione! 
Evidentemente non stiamo parlando della stessa faccenda. 
Secondo fatto: Enzo Giannone non ha ancora risposto alla nostra richiesta di 
chiarimenti. Ovvero se fosse o meno a conoscenza della querela per diffamazione 
che la Polizia Municipale di Scicli intendeva proporre nei confronti del nostro 
concittadino. Abbiamo posto la domanda perchè riteniamo, in città, ci sia un 
problema serio di esercizio del diritto di satira e libertà di espressione. 
Prima coincidenza: è davvero singolare, tuttavia, che il giorno dopo la notizia
 pubblicata dal Gds online arrivi questo comunicato stampa  dell'ente locale. 
Seconda coincidenza: il soggetto querelato di cui abbiamo parlato noi ha 39 anni, 
mentre nel comunicato del Comune di Scicli si parla, genericamente, di 
"un quarantenne".
Terza coincidenza: nella notizia diffusa dal Comune si legge che l'accusa all'uomo 
è quella di aver leso l'onore ed il prestigio del "corpo di polizia municipale e
 del sindaco" due soggetti. Ebbene, dai nostri riscontri, come abbiamo riportato
 nel nostro articolo di due giorni fa, sono proprio due i video contestati al 
soggetto indagato, uno che ha quale protagonista proprio il Sindaco Giannone e 
l'altro che trasmette un'auto della Polizia municipale in servizio.
Si sa, però, le via del signore sono infinite! 
Prima curiosità: da quando in qua sono i Vigili Urbani a sporgere querela per 
tutelare "l'onore ed il prestigio del Sindaco" (così è scritto sul comunicato 
dell'ente ) e non lo stesso primo cittadino? A parte le disquisizioni di carattere
 procedurale sulla legittimazione attiva (ma quelle le lasciamo ai giuristi), 
è come se Sergio Mattarella venisse offeso sui social network, solo che a sporgere
 la denuncia sono i Corazzieri del Quirinale e non il Presidente della Repubblica
... Insomma, ciascuna istituzione agisce in giudizio per salvaguardare sé stessa, 
non per gli altri. 
Seconda curiosità: ma perché la Lista Civica Start Scicli, proprio due giorni fa,
sente il bisogno di pubblicare un post a tutela della satira con tanto di citazione
di Dario Fo e foto di Luttazzi? Insomma, se il riferimento era alla violazione 
dell'art. 341 bis del codice penale (di quello l'ente ha dato notizia), il diritto
di satira non c'entra. Ma allora perchè questo intervento che, addirittura, 
anticipa il comunicato del Comune?
Chi ci capisce è bravo.
Però, visto che stiamo parlando di reputazione, onore e decoro delle Istituzioni, 
ma anche di libertà di espressione e diritto di difesa dei denunciati, visto il 
comunicato del Comune e l'attenzione sociale che hanno suscitato la notizia del Gds
e quella del Comune, riteniamo che qualche comunicazione in più per chiarezza sulla
questione, da parte dell'amministrazione comunale, sarebbe parecchio apprezzata 
dai cittadini! 
Marco Causarano

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top