Oggi 11 gennaio: 328 °ANNIVERSARIO DEL TERREMOTO DEL 1693 A SCICLI E NEL VAL DI NOTO.

ECCO COME APPARIVA SCICLI PRIMA DE ” U TERREMOTO RANNI”
All’unnici jnnaru e non ni stornu ppi l’aviri affisu Diu tantu supernu n’tempu n’mumentu, si vitti nna gn’ornu morti, giudiziu, paradisu e nfernu.
L’unnici jnnaru a vintun’ura a Jaci senza sonu s’abballava, cu sutta i petri cu sutta li mura.
E ccu misericordia chiamava santa Vennira nostra prutittura, sutta lu sa mantu nni salvava.
Si vitti e nun si vitti Terranova.
Vittoria sprufunnau nta la ciumara,
Comisu persi la so vita cara e Viscari lu chiantu cci rinnova.
Tuttu Scichili trimau intra na vaddata,
e Modica muriu tra li timpuna.
Rausa prestu cascau tra li cavuna e a Chiaramunti nun restau casata.
Antica preghiera a ricordo del “tremuoto ranni” del 1693 che distrusse l’intero Val di Noto della Sicilia sud orientale.
In questo giorno si accendeva una candela, e si recitava questa antica preghiera. A Scicli ogni anno si celebra nella chiesa di San Michele una messa in suffraggio delle vittime di questa immane tragedia, poichè fu l’unica chiesa che resistette alla scossa sismica e diede rifugio ai sopravvissuti.
(da I love  Scicli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *