Mariano Patanè dona due attrezzature all’Ospedale Giovanni Paolo 2°

Da qualche giorno, al Laboratorio Analisi dell’ospedale Giovanni Paolo II,sono in funzione due attrezzature donate dall’Azienda Dione di Scicli, il cui titolare è Mariano Patanè, per un valore di 45 mila euro.
Una boccata di ossigeno per il Servizio perché con queste due nuove attrezzature, che si aggiungono alla strumentazione già in dotazione nel Laboratorio, si potranno processare molti più tamponi. Si tratta di due apparecchiature utili per la diagnostica molecolare per il Covid-19. Il primo strumento è un estrattore di acidi nucleici che ha come obiettivo quello di estrarre e purificare gli acidi nucleici virali ottenendo, così, il materiale genetico purificato per potere eseguire successivamente indagini di tipo molecolare. Il secondo strumento Real Time PCR permette di effettuare il test, in tempo reale, basato sulla rtPCR – una tecnica di biologia molecolare che consente la moltiplicazione (amplificazione) di frammenti di acidi nucleici dei quali si conoscono le sequenze nucleotidiche iniziali e terminali. L’amplificazione mediante rtPCR consente di rilevare le sequenze geniche virali, e quindi diagnosticare in modo affidabile e veloce le infezioni precoci da COVID-19, per permettere l’isolamento rapido del paziente e successivamente avviare i trattamenti sanitari necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *