IL BONINO PULEJO AL “BUSACCA” DI SCICLI? ANCORA CHIUSO. NON CI SONO I MEDICI. PERCHE’?

Dunque all'inaugurazione del 16 novembre scorso, Amministrazione comunale, deputati, Assessore regionale e funzionari pubblici hanno tagliato il nastro del BONINO PULEJO all'ospedale Busacca ma hanno dimenticato di dire che nel presidio medico appena inaugurato c'era tutto.... fuorché il personale sanitario! 
Un po' come se hai un aereo ma non il pilota, una scuola ma non gli insegnanti oppure una partita di calcio ma non i calciatori... Fate voi. 
Questo si appreso (da ultimo l'intervista al Menager dell'Asp Aliquo' a Video Regione il 5 febbraio) dopo il comunicato stampa del Partito Democratico di Scicli che lunedì scorso chiedeva per quale motivo il padiglione dell'Ospedale Busacca fosse ancora vuoto a distanza di tre mesi dall'inaugurazione. 
Così si è appreso che, in verità, i bandi di selezione ci sono stati ma sono andati deserti, mentre adesso se n'è pubblicato un altro, con la speranza che sia la volta buona. Lo stesso Aliquo' ha dichiarato che l'Asp di Ragusa è pronta a prestare il personale sanitario necessario, almeno in un primo momento, pur di far partire la struttura. Gli altri protagonisti dell'inaugurazione, invece, forse per carità di patria, sino ad ora hanno taciuto, lasciando solo il menager ad affrontare l'imbarazzo di fronte a quello che, sino ad ora, è una meravigliosa incompiuta. 
Ma perché, allora, c'è da chiedere, i medici non vengono a Scicli? Spiega il consigliere Claudio Caruso che "in Sicilia mancano i medici" e che "purtroppo la provincia di Ragusa ha pochissimi giovani medici residenti...". Sarà! 
Ma allora perché negli altri presidi del Centro Neurolesi BONINO PULEJO Irccs di (a Messina, Sallemi, Catania,Palermo e Trapani ) questo problema non si è avuto? Ed ancora, veramente vogliamo dare la colpa al fatto che i cittadini della provincia non vogliono più fare i medici? Non ci convince. 
Possiamo azzardare noi un'ipotesi? È possibile che i Medici (o il personale sanitario) non vengano al Busacca perché non si sentano garantiti dal fatto che nel presidio mancano gli anastesisti, un pronto soccorso in grado di accogliere tutti i codici ed altri dei reparti più importanti che caratterizzano un vero Ospedale?
Ecco perché, a questo punto, è lecito chiedersi :ma esistono veramente i presupposti perché il BONINO PULEJO esista a Scicli? 
D'altro canto (ma la nostra è solo una riflessione ad alta voce) , il BONINO PULEJO è un presidio sanitario per pazienti "delicati "(post acuti) di malattie neurologiche (cervello o midollo) , che hanno subito interventi gravi e per i quali, anche in fase di degenza, potrebbe rendersi necessario un intervento d'urgenza da parte di personale specializzato che a quel punto (verosimilmente) si troverebbe solo nella più vicina Modica, con tutti i rischi che un trasferimento così lungo può comportare. 
Intanto i 24 posti letto predisposti nel padiglione dell'Ospedale Busacca rimangono vacanti, mentre gli strumenti modernissimi acquistati dall'Irccs di Messina sono lì a riempirsi di polvere: un lokomat per imbarcare i pazienti e farli ricominciare a camminare, un computer riabilitativo, letti manovrabili con la corrente elettrica ecc. Insomma, tutta attrezzatura medica all'avanguardia che non viene utilizzata.
Marco Causarano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *