Finanziato il progetto per il rifacimnento della “Lipparini-Miccichè. Accordati 3 milioni e 200 mila euro.

Il Ministero della Pubblica Istruzione ha finanziato il rifacimento della facciata della scuola media Lipparini Miccichè di piazza Italia oltre l’adeguamento sismico della stessa scuola.
L’intervento è stato finanziato nell’ambito degli interventi di edilizia scolastica rientranti nel piano 2019 della programmazione nazionale triennale 2018-2020.
Il finanziamento accordato alla giunta Giannone è di 3 milioni e 200 mila euro.
Il progetto, voluto dalla giunta Giannone, è stato firmato dagli architetti Gaetano Manganello e Carmelo Tumino, dello studio Architrend, e riguarda il consolidamento, l’adeguamento impiantistico e il rifacimento del prospetto dell’edificio di piazza Italia. Una ferita urbanistica che gli sciclitani non hanno mai accettato e definita dagli storici e dagli urbanisti uno dei più gravi scempi in un centro storico preservato.
I progettisti hanno ascoltato e interpretato le esigenze di un moderno luogo di formazione, immaginando spazi funzionali ai momenti educativi, in una tensione verso la ricucitura della ferita perpetrata nel 1962, restituendo l’antica armonia di linguaggio dell’ambiente urbano settecentesco.
Così, a fronte di un edificio moderno e funzionale all’interno, con una passeggiata che recupera il chiostro dell’attuale palazzo di vetro, inglobandolo dentro e creando un moderno lucernaio sul tetto, il prospetto ricalcherà esattamente la facciata settecentesca del Collegio dei Gesuiti.
Manganello e Tumino hanno anche progettato una inedita passeggiata sul tetto dell’edificio, una nuova piazza da cui ammirare la città. Fra gli interventi più autorevoli, che si registrarono in occasione della presentazione del progetto, due anni fa, quello del professore Paolo Nifosì, che ha spiegato come non di falso storico si tratti, ma di un recupero della identità della piazza e di Scicli.
A dare notizia dell’avvenuto finanziamento dell’opera oggi il sindaco Giannone e l’assessore ai Lavori Pubblici Viviana Pitrolo.
“La nuova scuola sarà improntata ai principi di innovazione scolastica, punterà alla sicurezza di una struttura strategica, sarà segno di nuova bellezza di uno spazio storico simbolo di Scicli, in un rapporto dialogico fra la piazza e il cortile interno della scuola. Ultimo, ma non ultimo, in un momento di crisi dell’edilizia, l’opera pubblica darà nuova linfa al mercato del lavoro in città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *