You Are Here: Home » Evidenza » FATTI, NON PUGNETTE! di Marco Causarano

FATTI, NON PUGNETTE! di Marco Causarano

FATTI, NON PUGNETTE!  di Marco Causarano
Con sempre maggiore progressione l'estate sciclitana sembra crescere e, almeno nei
 weekend, la via Mormina Penna è tornata ad essere cuore pulsante della città. 
Le prenotazioni per le vacanze, fra luglio ed agosto, stanno arrivando. Prima sulla
 costa, poi in centro. 
Inutile negare, per altro, che dopo tante chiacchiere ed incontri (specialmente 
webinar), l'Amministrazione comunale si è fatta cogliere - come tanti comuni 
siciliani - impreparata ed in ritardo con la ripartenza. Da ultimo, ad esempio, 
l'avviso pubblico per l'organizzazione degli eventi estivi che, con scadenza 
14 luglio (a stagione ampiamente avviata e senza l'idea di 2/3 eventi a 
caratterizzare l'estate men che meno con un'idea culturale forte), raccoglie 
le adesioni delle associazioni culturali e ricreative per gli eventi 
d'intrattenimento.
Non diciamo che l'Amministrazione dovrebbe ringraziare quanti, specie in questo 
momento così complicato, si prodigano ad organizzare eventi, ma neanche è 
possibile vessare le associazioni in questo modo, con una tale richiesta di 
adempimenti da far imbarazzare qualsiasi burocrate ministeriale. A leggere le 
richieste della giunta, infatti, si ha tutta l'evidenza della burocratizzazione e
 dell'incapacita' di semplificare la vita ai cittadini che è propria del nostro 
Comune. Il tutto condito dalla chiara evidenza che l'ente non assume alcuna 
responsabilità di qualsiasi natura (specialmente quella per l'eventuale diffusione 
del Coronavirus), a corollario di un atto che dà la misura delle difficoltà in cui
 si opera. Sarà anche per questo motivo che non si rintraccia la firma di un 
assessore in questa iniziativa, al fine di assumere la responsabilità politica 
dell'atto!
Men che meno il Comune manifesta disponibilità a finanziare alcunché. Le casse del
 Comune sono vuote, è la risposta a qualsiasi richiesta. Dopo le vane promesse di
 spendere 20 mila euro per la promozione turistica, sembrano diradarsi quelle 
ancora più vacue di 200 mila euro per finanziare le imprese. Nessun bilancio, 
infatti, è stato ancora predisposto dalla giunta.
Certo fa specie che lo scorso anno furono spesi 60 mila euro per talune 
manifestazioni estive (ma 25 mila euro riguardavano la Festa delle Milizie), mentre
 adesso non si trova il becco di un quattrino per fare promozione in una stagione 
così delicata. Ma tant'è. Da qualche tempo abbiamo  già compreso che fare 
chiacchiere, più che fatti, è una caratteristica della giunta Giannone. 
Va da sé che, chi opera nel settore, aveva già cercato di organizzarsi secondo le 
proprie capacità. Gli stessi commercianti hanno già versato il proprio contributo 
in denaro per organizzare le prime notti bianche, altro che ricevere i contributi 
annunciati dall'amministrazione. 
La sfida, se vogliamo (Covid permettendo) sarà quella di allungare la stagione 
turistica fino ad ottobre ed avere la capacità di farlo promuovendo, pianificando 
ed organizzando in maniera più concreta di quanto non si è fatto sin'ora. 
Magari facendo uso delle risorse finanziarie non spese per le feste tradizionali 
(Cavalcata, Gioia e Milizie), ma su questo aspettiamo fatti (come il bilancio, 
variazioni, tassa di soggiorno) "non pugnette", come direbbe il benemerito 
assessore Palmiro Cangimi da Zelig! 
Marco Causarano 

 

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top