Crisi agricoltura: il Sindaco chiede lo stato di calamità alla Regione.

“Da alcuni mesi il mondo agricolo ibleo è colpito da una pesante crisi economica e produttiva che ha causato l’inevitabile cessazione delle attività di numerose aziende agricole, vessate da un incessante indebitamento. Il fenomeno, di certo non recente, nel tempo si è aggravato a causa del costante aumento dei costi di produzione non corrisposti da adeguati guadagni e rischia di trasformarsi in un devastante effetto domino per tutta la filiera agricola”. A scrivere, all’indirizzo del Governatore siciliano Nello Musumeci, e dell’assessore regionale all’agricoltura Edy Bandiera, è il sindaco di Scicli Enzo Giannone. “Nell’ultimo periodo il prezzo medio di acquisto al Mercato Ortofrutticolo di Donnallucata si è attestato sui 0,60 €/Kg per i prodotti di migliore qualità e diminuisce sensibilmente per quelli di qualità inferiore. Grosse quantità di prodotti rimangono invendute e dunque inevitabilmente buttati. Il progressivo indebitamento delle aziende, inoltre, non trova una risoluzione con gli istituti di credito che attualmente applicano tassi di interessi che si attestano a percentuali talmente alte che sarebbe difficile onorare ed in più le produzioni locali sono penalizzate dagli accordi europei siglati con i paesi del nord Africa per l’importazione di prodotti orticoli a condizioni agevolate, determinando condizioni concorrenziali sleali e contribuendo dunque al ulteriori abbassamento dei prezzi a scapito di una qualità produttiva”. (Foto repertorio).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *