Conferenza stampa al Comune sulla nuova Maggioranza. Il Sindaco: entro l’11 dicembre i nomi e le competenze in busta chiusa.

“Stagione chiusa quella dello scioglimento del consiglio comunale del 2015”, queste le parole con cui il Sindaco di Scicli ha esordito nella conferenza stampa, stamani al Comune di Scicli. Conferenza durante la quale, poi, si sono sviluppati – per oltre 2 ore- i temi relativi alla nuova Maggioranza che si va determinando a Palazzo di Città. Ed infatti erano tutti presenti i consiglieri e i gruppi che appoggeranno  la nuova Alleanza. Il Sindaco, naturalmente, fa la parte del leone e dice e anticipa tutto Lui: per come sono andate le trattative, il nuovo progetto che si intende portare avanti, la posizione del PD, la nuova compagine amministrativa (non parla di azzeramento). La discussione- dice il primo cittadino- è andata avanti negli ultimi 3 mesi; il suo è un lavoro che mira a riportare alla normalità la stessa fase amministrativa, con l’allargamento al centrosinistra (aggiunge “ma è riduttivo”), insomma nell’area progressista; una stagione politica e amministrativa che porti a compimento la prima. Il Sindaco- è sempre Giannone a parlare- non ha detto di no, ha detto sempre si alle proposte venute dal confronto-trattative delle ultime settimane. Il PD – a suo dire- è stato presente con un’immagine formale,ma non capisco perchè ci sia stato questo ripensamento da parte della Segreteria del partito. “Ho grande rispetto di quel partito- afferma Giannone- ma bisogna riflettere sulla situazione presente in città e anche sulla base di quello che succede in Italia in questi tempi”. Scicli, insomma, è progressista e tale deve rimanere.

A turno parlano alcuni consiglieri comunali; Rita Trovato è la prima a prendere la parola, spiegando e giustificando la sua entrata nella nuova Maggioranza. Nel 2016 candidata di centro (sottolinea questa parola) un centro democratico moderato, insomma una DC. E insiste in questa sua coerenza. “Sono stata all’opposizione, perchè la Giunta Giannone si era chiusa – dice la rappresentante di “Laboratorio Scicli”- ma adesso l’apertura del Sindaco pone  nuove occasioni politiche e amministrative. Non importa destr-sinistra; ho trovato la quadra. Sono legittimata nelle mie scelte dai4.300 voti ricevuti alle elezioni del 2016″. Trovato sottolineava la rappresentanza civica della sua lista e quindi mira a rafforzare quest’area politica.

Emanuele Scala, di Start Scicli. Sottolinea la positività degli incontri  e reclama al suo gruppo l’iniziativa dell’allargamento della maggioranza; “peccato che il percorso si sia interrotto per qualche gruppo politico”.

Claudio Caruso esordisce con “fino al 2018 sono stato tesserato del PD, non so se rinnovo per il 2019. Ho contatti comunque soltanto con rappresentanti reg. e naz. del partito. Vivo una situazione-crisi personale. Comunque credo in questo progetto del Sindaco Giannone. Non ho un mio stemma da mostrare. Il consigliere Caruso, sul piano dell’adesione alla nuova Maggioranza,ha fatto capire che vi entrerà a pieno titolo.

Tra gli interventi successivi quelli del Presidente del Consiglio Demaio(non è messa in discussione la presidenza, ma se la cosa diventa oggetto di discussione, nessun ostacolo da parte mia), Resi Iurato, Caterina Riccotti, Ignazio Fiorilla, GianpaoloAquilino.

Poi finalmente i giornalisti. Ne restiamo due attorno al tavolo, i colleghi televisivi avevano le necessità oggettive di misurare i tempi, per cui sono andati al lavoro nei rispettivi studi. Così chiediamo qualcosa. Il Sindaco è sempre pronto a rispondere,in riferimento ai documenti che si sono succeduti nell’ultima settimana, sottolinea il disaccordo interno al PD, ma avanza un ulteriore invito a ripensarci, anche perchè “il campo progressista non può fare a meno di quel partito”, oltretutto si va a costruire il progetto e la proposta del 2021″.  Si chiede se ci sarà un azzeramento della Giunta. E’ sempre il Sindaco a rispondere: l’azzeramento non chiarisce e non è secondo il progetto. Avevo richiesto formalmente di fornire entro l’11 dicembre prossimo le risposte da parte delle componenti, fornire le competenze in busta chiusa; non stiamo spartendo posti. Ridefinirò gli assetti di giunta guardando alle competenze, con pari dignità. Il mio progetto guarda al 2021. Non presenterò una mia ricandidatura, a meno chè non ci sia la presenza di vecchi e superati steccati. Lavoro per una nuova generazione che dia modo ai 40enni di farsi carico della gestione della città.

Rita Trovato si aggancia al discorso e – tra il serio e il faceto- si candida a Sindaco 2.

Franco Causarano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *