You Are Here: Home » Evidenza » Cittadini per Scicli: Ordine del giorno perché sia fatta luce sullo scioglimento del Consiglio comunale del 2015.

Cittadini per Scicli: Ordine del giorno perché sia fatta luce sullo scioglimento del Consiglio comunale del 2015.

Cittadini per Scicli: Ordine del giorno perché sia fatta luce sullo scioglimento del Consiglio comunale del 2015.

I consiglieri comunali del gruppo politico “Cittadini per Scicli”, Giorgio Vindigni e Licia Mirabella hanno depositato il testo di un ordine del giorno relativo allo scioglimento del Consiglio comunale nel 2015. Ciò sulla base di una inchiesta  che la Commissione antimafia dell’Ars sta portando avanti da alcune settimane. Di seguito il documento di “Cittadini per Scicli”:

“Lo scioglimento per mafia del civico consesso nel 2015  riemerge con tutti i suoi inquietanti dubbi a motivo di notizie apparse su alcuni organi di informazione circa l’apertura di un dossier alla Commissione Antimafia dell’ARS con audizioni e acquisizioni di documenti e le dichiarazioni rese dal Presidente della Commissione On.le Claudio Fava, che confermano pesanti zone grigie sulla vicenda dello scioglimento per mafia del Comune di Scicli.

L’autorevolezza della fonte e la gravità delle questioni poste impongono a tutti il dovere della massima attenzione. Rimane il fatto che, in sedi autorevoli ed istituzionali, vengono sollevati dubbi sulle vicende che portarono allo scioglimento del consiglio comunale del Comune di Scicli, legate soprattutto alla questione del sistema ciclo dei rifiuti in Sicilia ed agli interessi che si muovevano attorno a quel sistema.

Di fronte ad un Presidente della Commissione Antimafia che, certamente, non riferisce sue personali sensazioni e che pubblicamente afferma che sono sospetti gli scioglimenti di Comuni che si opponevano alle discariche (cita oltre a Scicli anche Siculiana), è dovere delle istituzioni locali intervenire pubblicamente per chiedere verità e chiarezza su un atto che ha cancellato la volontà popolare espressa con il voto e sospeso la democrazia in Città con ricadute negative sulla stessa immagina della Città.

Alle prese di posizione del Presidente della Commissione Antimafia, si aggiungono altre inchieste portate avanti dalla stampa che inseriscono un elemento altrettanto inquietante, ovvero quello dei servizi segreti deviati nell’ambito di quello che è definito il Sistema Montante la cui opera, legata alle discariche di rifiuti solidi urbani in Sicilia, determinò a suo tempo lo scioglimento del civico consesso.

In questa fase, è doveroso che riemerga alla memoria e all’attenzione collettiva una vicenda come questa. In città ci fu chi sostenne sino alla fine i motivi del contrasto allo scioglimento a tutela dell’onorabilità della collettività e dell’immagine della città e, quindi, la riapertura di discariche dismesse e chi invece, parlamentari locali compresi, con disinvoltura considerò quella sciagura come un fatto ineluttabile.

Il gruppo Cittadini per Scicli ha da sempre sostenuto e continua a sostenere la prima tesi in compagnia di altre forze politiche e propone al Consiglio Comunale – vera parte lesa – l’adozione di un ordine del giorno perché sia fatta luce completa su tutte le vicende che portarono, dapprima alle accuse in sede penale nei confronti del Sindaco del tempo, dott. Franco Susino, poi rilevatasi come assolutamente infondate, e, successivamente, allo scioglimento del Consiglio Comunale, costruito proprio su tali infondate accuse.”

Cittadini per Scicli

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top