You Are Here: Home » Cronaca » Avviso per le attività alimentari che garantiranno i buoni spesa

Avviso per le attività alimentari che garantiranno i buoni spesa

Avviso per le attività alimentari che garantiranno i buoni spesa

Il Comune di Scicli ha avviato la procedura per la formazione di un elenco aperto di esercenti di attività di vendita di generi alimentari presso i quali utilizzare i buoni spesa consegnati ai soggetti beneficiari delle misure di solidarietà alimentari individuati dal Comune.
La procedura, al fine di rispettare il principio della massima celerità e garantire comunque la trasparenza delle decisioni di spesa, viene svolta secondo le seguenti disposizioni.
1. Tutti gli operatori economici che, nell’ambito del territorio del Comune di Scicli, sono abilitati al commercio al dettaglio di generi alimentari possono richiedere l’inserimento nell’elenco aperto, sottoscrivendo per adesione lo schema di manifestazione di interesse pubblicato sul sito istituzionale del comune in modalità “word” editabile;
2. Al fine di dare la massima diffusione alla presente attività, il presente avviso e lo schema di manifestazione di interesse, viene pubblicato “albo pretorio on line” e nella home page del sito istituzionale;
3. L’ufficio servizi sociali provvederà a formare l’elenco degli operatori e sottoscriverà con ciascuno di essi una convenzione che disciplina la rendicontazione ed il pagamento del valore dei voucher.
4. All’atto della sottoscrizione della convenzione, gli operatori economici dichiarano:
a) di essere in regola con le norme sull’autorizzazione all’esercizio dell’attività commerciale;
b) di non aver riportato condanne per reati di criminalità organizzata o sostegno alla criminalità organizzata, truffa allo Stato, e frode alimentare o sanitaria di cui agli artt. 439, 440, 442, 444 e 515 del codice penale.
5. Il buono spesa è il titolo di legittimazione del suo possessore all’acquisto di generi alimentari per un valore massimo pari al suo controvalore in denaro.
6. Al fine di attuare tempestivamente le misure di sostegno alimentare, nelle more di individuare soluzioni più efficaci anche sul piano della rendicontazione e non contraffazione, i buoni spesa sono rappresentati da “buoni cartacei/voucher”, rilasciati dall’ufficio servizi sociali, del valore nominale di € 50,00 (euro cinquanta) Iva inclusa oppure di € 20,00 (euro venti) Iva inclusa distribuiti dall’ufficio servizi sociali, alla platea di beneficiari individuati.
7. L’esercente all’atto della negoziazione rilascia all’acquirente lo scontrino con la dicitura “corrispettivo non incassato” e trattiene il buono spesa. A cadenza quindicinale, l’esercente trasmette all’ufficio servizi sociali la richiesta di pagamento dei buoni cartacei acquisiti, emettendo la fattura elettronica per un importo pari al valore dei buoni rendicontati con l’indicazione del codice univoco UF3I1T e consegnando all’ufficio servizi sociali, una distinta analitica con allegati i buoni cartacei oggetto di fatturazione. In tale caso, la fattura non deve recare il CIG, esulando la procedura dal campo di applicazione della legge n. 136/2010 e succ., trattandosi della concessione di un contributo ai beneficiari, di cui il buono cartaceo rappresenta il valore economico e la legittimazione alla sua libera negoziazione, con il solo limite della spendibilità in uno degli esercizi commerciali inseriti nell’elenco formato dal Comune;
8. I Voucher sono incedibili, “non sono utilizzabili come denaro contante” e non danno diritto a resto in contanti. L’utilizzo di tali buoni spesa comporta l’obbligo per il fruitore di regolare in contanti l’eventuale differenza in eccesso tra il valore nominale del buono ed il prezzo dei beni acquistati.
9. I titolari di esercizi commerciali del settore alimentare interessati a convenzionarsi con questo Comune per il servizio di sostegno alimentare a seguito dell’emergenza epidemiologica virale, possono presentare la propria manifestazione di interesse, redatta “utilizzando il modulo allegato”, da sottoscrivere in modalità digitale o in modalità cartacea e acquisizione della scansione del documento firmato, con allegato il documento di identità in corso di validità, e inviare anche da una casella di posta elettronica non certificata all’ufficio del protocollo generale, al seguente indirizzo di posta elettronica: protocollo@pec.comune.scicli.rg.it
10. Il presente avviso non ha un termine di scadenza; il primo elenco di operatori abilitati sarà pubblicato sul sito del Comune di Scicli. Esso sarà utilizzato anche per la procedura di spesa di altre somme eventualmente trasferite dallo Stato, dalla Regione o acquisite tramite donazioni ovvero attivate per la medesima finalità di sostegno alimentare utilizzando fondi comunali.
Trattamento dei Dati Personali
I dati personali relativi alle imprese partecipanti verranno trattati ai sensi del Regolamento Generale Europeo 2016/679, ai soli fini della procedura di avviso pubblico per la manifestazione di interesse di cui all’oggetto del presente avviso.

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top