AUMENTO DEI POSITIVI: MENO PROCLAMI, PIU’ AZIONE

L’aumento dei casi di positività al Covid-19 nella provincia di Ragusa e nella 
città di Scicli desta grande preoccupazione in tutti noi. E’ notizia di ieri il 
caso di un positivo in un istituto scolastico di Scicli, con una classe e i 
relativi insegnati in isolamento. 
Negli altri comuni della zona si agisce per tracciare i possibili positivi. A
 Giarratana il sindaco Lino Giaquinta (PD) ha avviato, con la collaborazione 
dell’ASP 7, della Protezione Civile, e dei medici di base di Giarratana, il 
servizio di effettuazione dei tamponi rapidi per l’individuazione dei soggetti
 portatori di Coronavirus, con metodo drive-in presso il centro comunale della 
Protezione Civile. Questo facilita lo screening perché consente ai medici di base 
di effettuare i tamponi senza correre il rischio di dover sanificare lo studio ad 
ogni caso positivo. A Modica, Ragusa, Comiso e Vittoria, in accordo con l’ASP 7,
 ed anche con gli istituti di istruzione, si sono organizzati screening con tampone
 rapido.
A Scicli non si fa nulla di tutto ciò, ed è necessario, in tempi brevissimi e con 
la massima urgenza, raggiungere l’accordo con la regione e le autorità sanitarie 
organizzando lo stesso tipo di screening, o consentire ai medici di base di 
effettuare gli screening disposti, e non mancano certo gli spazi, potendo benissimo
 essere utilizzata con metodo drive-in l’area di Protezione Civile a Zagarone. 
Il sindaco Giannone, farebbe bene lasciar perdere la propaganda e le invettive 
cadenzate contro chicchessia, dedicarsi meno a inutili riunioni per rimpasti fuori tempo, ed agire immediatamente per consentire lo screening di massa, e – aggiungiamo - dare concretezza agli annunciati aiuti comunali di € 200.000 per le aziende colpite dalla crisi.
Partito Democratico Scicli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *