You Are Here: Home » Evidenza » Aumentare le tasse non è da “rivoluzione gentile”: aprire alla partecipazione e al confronto

Aumentare le tasse non è da “rivoluzione gentile”: aprire alla partecipazione e al confronto

Aumentare le tasse non è da “rivoluzione gentile”: aprire alla partecipazione e al confronto

 Ormai è sotto gli occhi di tutti il degrado che caratterizza le campagne e persino il centro storico di Scicli a causa delle montagne di rifiuti abbandonati in ogni angolo nei giorni del Natale. Un caos che avrebbe meritato una gestione più responsabile e consapevole da parte dell’amministrazione comunale di Scicli, soprattutto in un’area sensibile e delicata come quella dell’ambiente. Ci saremmo aspettati che i nostri amministratori attivassero quei canali di partecipazione e confronto con i cittadini previsti dall’Osservatorio Rifiuti Zero (avviato nel 2012), come ricordato da Sinistra Italiana. Invece abbiamo assistito (e continuiamo ad assistere) a una gestione spericolata e solitaria che ha condotto alla decisione di conferire i nostri rifiuti ad Alcamo (640 km e 8 ore di viaggio), con un aggravio di 40.000 euro nell’immediato e di 90.000 euro nel prossimi tre mesi. Una situazione di continua emergenza che merita di essere trasformata in vicenda strutturale, dando soluzioni amministrative di pianificazione vera e di lungo termine sulle politiche ambientali. Ci chiediamo, come Partito Democratico, come facciano gli amministratori dei comuni iblei che, malgrado la complessa sfida rappresentata dalla gestione del ciclo dei rifiuti, riescono a mantenere la situazione sotto controllo, riuscendo ad avere numeri positivi nella raccolta differenziata. Noi, invece, siamo maglia nera in Provincia. Auspichiamo che il sindaco Giannone e i suoi assessori abbandonino questa gestione solitaria e disastrosa del potere, ricordando che rappresentano gli sciclitani e con gli sciclitani devono confrontarsi. Aprendo canali di confronto vero e partecipazione ad ogni livello, dando senso ad una promessa che rischia di rimanere uno slogan elettorale: la rivoluzione gentile. Per fare la “rivoluzione” occorrono progetti chiari e coraggiosi e persone volenterose in grado di incarnare le idee del cambiamento. Obiettivamente, ad oggi, oltre le vane parole, i fatti sono assai deludenti.

Il segretario del Pd di Scicli- Omar Falla

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top