You Are Here: Home » Evidenza » Zone bianche del Prg. Comunicato stampa dell’Amministrazione comunale

Zone bianche del Prg. Comunicato stampa dell’Amministrazione comunale

Zone bianche del Prg. Comunicato stampa dell’Amministrazione comunale

Pubblichiamo un comunicato stampa del Comune di Scicli sulla problematica- supponiamo noi del GdS- suscitata da un nostro articolo relativo ad una richiesta di variante al PRG a Donnalucata, da parte di una azienda immobiliare di Scicli. Ecco il comunicato:

“…Quanti oggi gridano allo scandalo sulla questione delle cosiddette “zone bianche”, dovrebbero  ricostruire, con onestà intellettuale e morale, le vere responsabilità politiche della mancata pianificazione del territorio, riconducibili in parte proprio a qualcuno di loro. Parlano le carte, le delibere di consiglio comunale. I vincoli preordinati all’esproprio che interessano alcune aree del nostro territorio sono decaduti nell’anno 2007. Tale decadenza avrebbe dovuto indurre le amministrazioni che si sono succedute negli anni a regolamentare dal punto di vista urbanistico tali aree, in modo da impedire speculazioni edilizie e consumo di suolo, garantendo la salvaguardia del paesaggio.

A fronte dell’inerzia di quelle amministrazioni, qualcuna delle quali sostenuta da chi oggi parla senza consapevolezza o fors’anche solo strumentalmente, bisogna aspettare l’anno 2019 perché una amministrazione comunale – l’attuale – dicesse NO alle nuove richieste di riclassificazione urbanistica pervenute sin dal 2017 (anno di insediamento dell’attuale amministrazione). L’attuale amministrazione comunale sconta oggi oltre un decennio di altrui inadempienze, che hanno permesso tra l’altro, nell’anno 2014 (giunta Susino), di approvare in via definitiva ben quattro riclassificazioni urbanistiche, fra cui una consistente area a Donnalucata, in via Arezzo, lottizzazione oggi in corso di costruzione.

E’ di tutta evidenza che chi oggi rivolge accuse all’attuale governo della città, usando anche toni aspri e scandalizzati, è egli stesso responsabile di scelte assunte in quegli anni.  La città intera paga quelle scelte e i ritardi determinati da precedenti assetti amministrativi.   L’attuale amministrazione comunale, dal canto suo invece, sta portando avanti con serietà la pianificazione del territorio, sulla base di direttive espresse dal Consiglio comunale e confermate dagli indirizzi dei cittadini durante le giornate di ascolto dedicate al Prg e che si basano su: consumo di suolo zero, rigenerazione urbana e sociale, inclusività dei servizi, mobilità e produttività sostenibile. Temi assolutamente opposti alla speculazione.

Per tali ragioni l’attuale amministrazione comunale, considerato l’avvio dell’iter di pianificazione, nonostante le difficoltà legate alla pandemia in corso, investirà quanto prima il Consiglio comunale     – organo sovrano in materia –  della questione relativa a tutte le “zone bianche”, il cui iter è in corso.  Prossimo step dell’iter di revisione del Piano sarà invece la condivisione pubblica delle risultanze delle giornate di ascolto, che costituiranno l’alveo entro cui si muoverà la nuova Variante al Prg.”

———-

Come al solito, l’Amministrazione comunale, o chi per essa, non entra nel merito dell’atto in questione: cioè una variante che prevede la costruzione di case in condominio per quasi 1500 nuovi inquilini in una zona che nel vecchio PRG è classificata verde pubblico. Non dà risposte, quindi, alle semplici domande con cui si concludeva l’articolo. Si sviano le responsabilità  su altri, come se negli stessi anni passati – ad esempio il 2014-  il Sindaco Giannone non avesse fatto parte di quel consiglio comunale. Si preferisce prendersela con altri, dare pagelle di merito alla propria Amministrazione, ma non si risponde ai quesiti nati attorno alla Variante di cui si sta parlando in questi giorni. E sono solo semplici domande, per capire conoscere discutere di una singola problematica che investe  una parte del territorio. Le risposte  può darle solo il Sindaco o l’Assessore al ramo. Punto e basta!

Franco Causarano

Leave a Comment

© 2012 Ass. Culturale Il Giornale di Scicli - Amministrazione - Cookies

Scroll to top